Ti piacerebbe essere informato se il prezzo dovesse diminuire?
Inserisci il tuo indirizzo email per essere informato quando il prezzo di questo prodotto sarà ridotto:


Invia Chiudi
Ti piacerebbe essere informato se il prezzo dovesse diminuire?
Inserisci il tuo indirizzo email per essere informato quando il prezzo di questo prodotto sarà ridotto:
Invia Chiudi
Non disponibile!
Inserisci il tuo indirizzo email per essere informato quando il prodotto torna disponibile:


Invia Chiudi
In Magazzino
Inserisci il tuo indirizzo email per essere informato quando il prodotto torna disponibile:
Invia Chiudi
Offerta
Garza Iodoformica 1 metro

Garza Iodoformica 1 metro

5,90€ 3,47€ (-41%) Prezzo tasse escluse: 2,84€
 
Marca: FARMASYSTEM Srl
Codice Prodotto: 909937118
Disponibilità: In Magazzino

Garza Iodoformica

 

Cosa sono le garze iodoformiche?

Lo iodoformio: composizione e proprietà

Le garze iodoformiche sono garze idrofile di puro cotone imbevute di iodoformio, cosparso su in modo uniforme su tutta la loro superficie. Lo iodoformio è una sostanza antibatterica ottenuta dall’azione dello iodio e dell’acetone e di alcuni alcoli secondari, ovvero sono composti organici la cui composizione è simile a quella degli alcani. Si tratta di un composto che ha proprietà stimolanti, ma è anche un analgesico e un emostatico, che accelera la fagocitosi. Usato nelle garze, questo composto chimico funziona come agente batteriostatico. Il suo impiego è molto diffuso come antisettico e disinfettante, e allo stato attuale è diffuso soprattutto nelle medicazioni delle lesioni, sotto forma di cotone, pomata o garza. La sostanza iodoformica è contraddistinta da un odore molto forte e sgradevole.

Le garze iodoformiche sono usate in ambito medico e ambulatoriale soprattutto per tamponare le lesioni profonde ed assorbire l’essudato, ovvero il particolare liquido che si crea nell’ambiente dei tessuti o all’interno di una delle cavità dell’organismo a seguito di un’infiammazione.

In quali casi vanno utilizzate? Medicazione nelle ferite da decubito

In particolare, le garze iodoformiche vengono applicate sulle ferite da decubito, chiamate anche lesioni da compressione. Si tratta di lesioni cutanee che non guariscono facilmente e che spesso causano, soprattutto se trascurate, la necrosi del tessuto. In questi casi si sceglie di ricorrere alle garze allo iodoformio perché esse hanno la capacità di mantenere il microambiente circostante la lesione nelle giuste condizioni, anche dal punto di vista della temperatura. La proprietà antisettica e antibatterica delle garze iodoformiche permette che esse possano essere tenute a lungo sulla ferita (rispetto ad altri tipi di garza), così da non ricorrere frequentemente al cambio e alterare le conidizioni della ferita, ostacolandone la naturale guarigione. Nello specifico, l’utilizzo di questo tipo di garza appare molto utile quando si ha a che fare con lesioni cutanee molto estese.

Battericide e antisettiche

Garze da non sterilizzare

Le garze iodoformiche sono prodotti medici che non hanno bisogno di essere sterilizzati perché lo iodoformio ostacola con la sua stessa presenza la formazione di eventuali batteri. Inoltre, al momento non esiste alcun protocollo emesso dal Ministero della Salute che accerti l’assenza di controindicazioni, come per esempio le modificazioni della medicazione iodoformica, nel caso in cui la garza venga sottoposta ad un processo di sterilizzazione. Infatti, il prodotto è già puro dal punto di vista batteriologico grazie alla presenza dello stesso iodoformio, presente nelle garze in una quantità pari al 10%.

Incompatibilità con altre sostanze mediche disinfettanti

Come evitare che si verifichi la decomposizione dello iodoformio

Durante le medicazioni delle lesioni è importante fare attenzione a non utilizzare queste garze medicate allo iodoformio insieme ad altri disinfettanti, come per esempio l’acqua ossigenata o ossidanti vari e sostanze alcaline, perché queste favoriscono la decomposizione dello iodoformio e ne compromettono la sua azione antisettica e antibatterica. Inoltre, questo tipo di garze usato per la disinfezione delle ferite è incompatibile anche con altri composti, tra cui ricordiamo il nitrato d’argento (usato in ambito medico prevalentemente per trattare le lesioni o la rottura dei capillari) e il cosiddetto calomelano (ovvero il cloruro di mercurio).

Conservazione corretta delle garze

Lontane dal caldo e dalla luce

Per quanto riguarda la conservazione delle garze e delle bende iodoformiche, esse devono essere conservate sempre a temperatura ambiente, in un luogo asciutto e lontano non solo da fonti di calore ma anche dalla luce e dalla polvere: seguire queste raccomandazione è fondamentale, in quanto una loro conservazione non idonea potrebbe causare la decomposizione dello iodoformio e dunque annullare le sue proprietà antisettiche e battericide.

Controindicazioni

Quando non devono essere impiegate

Le garze iodoformiche, usate da più di un secolo in ambito medico, e dunque ampiamente collaudate, devono essere utilizzate in modo appropriato e solo nei casi in cui il loro impiego è ritenuto utile per agevolare la guarigione della lesione. Al momento non esistono fonti scientifiche che accertino controindicazioni precise, tuttavia il loro uso in contesti non idonei potrebbe portare a delle leggere complicazioni nel trattamento della ferita cutanea, per esempio potrebbe capitare che la garza iodoformica asciughi in modo eccessivo l’ulcerazione che si sta trattando, oppure potrebbe provocare dolore nel paziente durante il cambio della garza con quella nuova.

Scrivi una recensione

Il Tuo Nome:


La Tua Recensione: Nota: Il codice HTML non è tradotto!

Punteggio: Negativo           Positivo

Inserisci il codice nel box seguente: