Ipoacusia: cos’è e da cosa dipende

Data di creazione: 2020-04-06 Visite: 968

L'ipoacusia è la perdita parziale del senso dell'udito, nello specifico è una diminuzione della capacità uditiva conseguente a un danno di una o più parti del sistema uditivo che può interessare un solo orecchio (ipoacusia monolaterale) o tutte e due (ipoacusia bilaterale).

I fattori che possono portare all'insorgenza di questo disturbo possono essere molteplici e di svariata origine e natura, ad esempio, traumi, patologie, infezioni.
Nella maggior parte dei casi le patologie che si possono associare a ipoacusia sono le seguenti:

  • Malformazioni dell'orecchio (esterno, medio o interno);
  • Tumori benigni o maligni;
  • Infezioni e infiammazioni dell'orecchio;
  • Perforazione della membrana timpanica;
  • Trauma cranico o acustico;
  • Fattori genetici;
  • Disturbi neurologici, come la sclerosi multipla o gli ictus;
  • Utilizzo di farmaci;
  • Fattori legati all'avanzare dell'età.

In molti casi, i problemi di udito si manifestano così lentamente, che in un primo momento possono passare praticamente inosservati. Coloro che ne soffrono hanno più difficoltà a udire i suoni alti di lieve intensità e la trasmissione del segnale dall’orecchio al cervello è disturbata. In questo modo non è più possibile distinguere bene le consonanti e quindi comprendere correttamente il parlato. Dopo una fase iniziale di lieve perdita dell’udito però, il problema potrebbe diventare più evidente, comportando lo sviluppo di sintomi e segni che non devono essere sottovalutati.

 

Nel caso in cui si sospetti di avere qualche sintomo effettuare un test dell'udito è il primo passo verso un netto miglioramento della qualità della propria vita.

Le opzioni di trattamento sono molto varie a seconda delle cause e delle forme di ipoacusia, la terapia a volte consiste solamente nell’eliminarne il fattore scatenante, ad esempio curare un’infiammazione o rimuovere un corpo estraneo dall’orecchio, ma ancora non è certo che la sordità ad oggi sia del tutto curabile.

Tags: