Combattere le allergie invernali

Data di creazione: 2014-10-10 Visite: 471 Commenti: 0

Le allergie non sono da attribuire soltanto al periodo primaverile o estivo, ma colpiscono anche durante l’Inverno. Acari, pelo di gatto e fioriture precoci possono provocare disagi simili a quelli sofferti dai soggetti allergici a pollini di piante o erbe che fioriscono in Primavera.

Secondo gli allergologi, ci sono due semplici accorgimenti per prevenire le allergie invernali: intensificare le pulizie in casa e godersi il sole degli ultimi week end di bel tempo perché la tendenza a uscire meno all’aria aperta, determina una diminuzione di vitamina D che è la potenziale difesa fisiologica contro le allergie respiratorie.
Al XV Congresso nazionale SIMER- FIP (Società italiana di medicina respiratoria a Genova, 1-3 ottobre 2014), è stato presentato uno studio italiano che mette in correlazione allergie respiratorie, comprese rinite ed asma, e diminuzione di livelli di vitamina D nel sangue. Lo studio ha osservato che la vitamina D ha anche un’azione ormonale e in particolare interviene come risposta immunitaria allo sviluppo di diverse patologie.

Ma cos’è la vitamina D?

È una sostanza essenziale per il nostro organismo che si assume attraverso l’esposizione alla luce solare e con una corretta dieta alimentare e, in determinati casi, anche con l’uso di supplementi farmacologici. Una volta trasformata nella sua forma attiva, agisce come un ormone, in grado di regolare diverse funzioni del nostro organismo. Il suo ruolo principale è quello di apportare calcio nelle ossa ed è anche in grado di agire anche in altri distretti quali muscoli, occhi, cuore, polmoni e sulla proliferazione cellulare.
La fonte principale di vitamina D è il sole: esponendosi al sole in modo corretto, la nostra pelle produce circa l’80% del suo fabbisogno. 
La carenza di vitamina D si può combattere assumendo gli integratori giusti. Visita il sito per scoprire tutte le linee di integratori e scegliere quello più adatto a te.

 

Lascia un commento

Captcha