La dieta sempreverde

Data di creazione: 2015-01-16 Visite: 309 Commenti: 0

Sono sempre di più gli italiani che decidono di non farsi tentare da bistecche e fritture di pesce, preferendo diventare vegetariani o vegani che eliminano dalla loro dieta anche latte, latticini e uova. Scelte spesso dettate da motivazioni etiche, prima fra tutte quella di non fare alcun male agli animali ma anche motivate dal desiderio di migliorare la salute. Una scelta che, se ben condotta, può aiutare anche nella prevenzione di diverse patologie.


 

 

All’opposto, gli “onnivori” difendono la loro alimentazione, sostenendo che privarsi dei cibi di origine animale comporterebbe pericolose carenze. La Società Italiana di Nutrizione Umana, con un gruppo di studio dedicato, sta valutando la copertura dei fabbisogni nutrizionali attraverso una dieta vegetariana: i primi risultati arriveranno nel 2015 ma dando un’occhiata alle ricerche, viene da dire che né vegetariani né onnivori sbagliano. 

Gli studi a favore di diete vegetariane e vegane sono tanti e testimoniano che rinunciare alla carne significa ridurre la pressione, il pericolo di infarti, la mortalità; sono però almeno altrettante le ricerche che spiegano come l’alimentazione giusta onnivora, cioè la dieta mediterranea, sia ottima per prevenire le malattie che minacciano la salute, dall’ictus al diabete e al deterioramento cognitivo.

In tutti gli alimenti c’è qualcosa di “dannoso”: nella frutta, lo zucchero e nel latte, ma anche nella verdura, i nel pesce ecc. Una dieta varia apporta tutti i nutrienti senza sovraccarico di sostanze “tossiche”; se si eliminano interi gruppi di alimenti bisogna fare attenzione a ciò che li sostituisce. Essere vegetariani o vegani oggi non espone a rischi ed è assolutamente compatibile con un buono stato di salute, a patto però di non trascurarne i possibili rischi.

Chi sceglie di essere vegetariano o vegano è mediamente una persona più attenta e informata e, molto spesso, la sua maggior consapevolezza è il vero motivo alla base della sua buona salute.

Essere vegetariani o vegani è insomma una buona scelta per restare sani, ma non indispensabile.

Basta, infatti, darsi delle buone regole: mangiamo in media 4 porzioni di salumi a settimana quando basterebbe dimezzarle sostituendole con i legumi per avere una dieta più equilibrata, senza contare che la vera minaccia per la salute oggi non sono tanto le proteine animali, quanto i troppi zuccheri.

A voi la scelta, ma non dimenticate che una corretta alimentazione è sempre la migliore medicina!

Tags:

Lascia un commento

Captcha