Follicolite

Cosa è la follicolite?

Per follicolite s’intende l’infiammazione e l’infezione dei follicoli piliferi.  Questo disturbo si manifesta con la comparsa sulla pelle di piccoli brufoli o pustole che possono essere situati in qualsiasi punto dell’epidermide, tranne nei palmi delle mani e nelle piante dei piedi perché zone prive di follicoli piliferi.

Il corpo umano è ricoperto da oltre 5 milioni di follicoli piliferi che non sono altro che delle sacche situate in profondità nel derma ed ognuna contiene un pelo (o capello nel caso del cuoio capelluto). Per questa ragione, la follicolite può fare la sua comparsa in qualsiasi zona del corpo in cui vi siano dei follicoli piliferi, e quindi qualsiasi parte in cui siano presenti dei peli. Nello specifico, la zona più colpita negli uomini è la pelle del viso. In quel caso, la follicolite compare nelle aree in cui è presente la barba e viene generata dallo stress della rasatura. Nelle donne le zone più colpite sono le braccia, le gambe, le ascelle e i glutei.

La follicolite può essere causata da insulti infettivi generati da batteri, funghi e virus oppure, nei casi delle follicoliti non infettive, le cause non derivano in alcun modo da azioni batteriche, fungine o virali.

 

Cosa causa la follicolite?

Le cause che possono scatenare l’insorgenza della follicolite sono diverse. In linea generale, il principale fattore in grado di provocare questa patologia sono le infezioni, ma esistono tutta una serie di casi non collegati all’insorgenza di infezioni. Per questa ragione si distingue tra follicoliti infettive e follicoliti non infettive.

Le follicoliti infettive sono causate da infezioni da parte di

  • Batteri, ad esempio Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa
  • Funghi, ad esempio Candida albicans, miceti come Malassezia e Trichophyton rubrum
  • Virus, ad esempio Herpes simplex.

I fattori in grado di scatenare l’infezione possono essere:

  • L’utilizzo di abiti stretti i quali limitano la traspirazione dei follicoli piliferi
  • La rasatura (soprattutto quando avviene contropelo)
  • Una smisurata sudorazione
  • Stato di obesità
  • Presenza di abrasioni, lesioni alla cute o sofferenza di determinate patologie cutanee (ad esempio acne)
  • Diabete mellito
  • Punture d’insetto
  • Immunodepressione

Le follicoliti non infettive invece sono infezioni che non sono originate dall’attacco di batteri, funghi o virus. Un esempio classico è la pseudofollicolite della barba, irritazione dovuta al comportamento dei peli, che prima di uscire fuori dal follicolo pilifero penetrano la cute originando un’infezione da corpo estraneo.

 

Quali sono i sintomi della follicolite?

La follicolite in genere presenta diversi sintomi facilmente riconoscibili. Prima di tutto si manifesta con la comparsa di brufoli o pustole rosse/gialle, a volte colme di pus. In alcuni casi potrebbero svilupparsi delle vescicole purulente che, una volta scoppiate, lasciano una piccola crosta.

Nei casi più lievi, altri sintomi riscontrabili sono l’arrossamento delle zone colpite e l’insistente sensazione di prurito. Nei casi gravi invece, oltre i sintomi già citati, si aggiungono il dolore e la comparsa di cicatrici quando la follicolite colpisce le parti più profonde.

Riassumendo, i sintomi più ricorrenti sono:

  • Comparsa di piccole pustole rosse a volte anche ripiene di pus
  • Comparsa di vescicole purulente
  • Sensazione di prurito
  • Arrossamento delle zone interessate dal disturbo
  • Sensazione di dolore.

 

Come curare la follicolite?

La cura per la follicolite varia a seconda della gravità del disturbo e quindi della tipologia di follicolite. Prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento, si consiglia di consultare il proprio medico in modo da determinare quale sia la cura più efficace.

In generale, i casi di follicolite lievi possono essere risolti in una decina di giorni grazie all’utilizzo di saponi antibatterici e delicati, ed effettuando una meticolosa igiene del corpo quotidiana, asciugando le zone interessante in modo delicato. Per i casi più gravi, il trattamento terapeutico varierà in funzione dell’entità dell’infezione e dalla tipologia di follicolite.

Per la follicolite infettiva, determinata da batteri, funghi o virus, potranno essere prescritti antibiotici in forma topica o orale, antisettici, antifungini, antimicotici e antivirali.  Per la follicolite non infettiva non è prevista la terapia antibiotica, ma la cura più efficace in questi casi è la terapia cortisonica topica o sistemica.

Qualora lo stato della follicolite peggiori, estendendosi in altre parti del corpo, si raccomanda di consultare un medico specialista.

 

Come prevenire la follicolite?

Il modo migliore per combattere la follicolite è prevenirla, seguendo una serie di comportamenti in grado di limitare il rischio della comparsa di questo disturbo.

I modi migliori per prevenire la follicolite sono:

  • Effettuare una rasatura che segua la direzione del pelo e non il contrario
  • Cercare di eliminare le lamette o quantomeno utilizzarne una nuova ad ogni rasatura
  • Non sfregare le parti appena rasate ma tamponarle in modo delicato
  • Non utilizzare abiti troppo stetti (ad esempio i jeans) poiché rendono difficile la respirazione della pelle
  • Evitare ambienti umidi e preferire luoghi arieggiati, anche per limitare una sudorazione eccessiva
  • Fare subito una doccia dopo un’eccessiva sudorazione
  • Evitare di utilizzare accessori e oggetti già utilizzati da altri (asciugamani, rasoi, ecc.);
  • Assicurarsi che in ambienti come piscine e palestre si seguano delle pratiche igieniche sicure e accurate.

 

Le informazioni contenute in questa pagina non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.