Gravidanza: sintomi e diagnosi fai da te

Quali sono i sintomi della gravidanza? 

La gravidanza è un momento molto importante nella vita della donna. Può essere un evento desiderato o, in alcuni casi, temuto. 

Già dalle prime settimane di gestazione si possono avvertire i primi sintomi della gravidanza: alcuni fastidi sono tipicamente rivelatori della nuova condizione e si manifestano con diversa intensità da donna a donna; talvolta possono cambiare da gravidanza a gravidanza.

Tra questi sintomi possiamo annoverare:

●    gonfiore e senso di tensione al seno e all’addome
●    stanchezza
●    sonnolenza improvvisa 
●    prime nausee mattutine
●    aumento della frequenza dello stimolo urinario

Tra i primi fenomeni che è possibile notare troviamo le perdite da impianto, che sono costituite da piccole tracce di sangue, generalmente di colore vivo o scuro. Il fenomeno si presenta nel periodo in cui sarebbero dovute arrivare le mestruazioniç: per questo motivo, molte donne scambiano l’evento come una mestruazione anomala, ritardando la scoperta della gravidanza.

Un altro sintomo è la nausea, che potrebbe accompagnare la gestante nel primo trimestre della gravidanza. Questo fenomeno dovrebbe regredire spontaneamente dopo i primi 3 mesi. La nausea è principalmente dovuta all’azione dell’ormone hCG, e generalmente si manifesta al mattino. Attuando qualche piccolo accorgimento è possibile evitare l’uso di farmaci, almeno nei casi nausea moderata.

Anche avere la sensazione del seno teso, la cui pelle è come se venisse “tirata”, è un sintomo della gravidanza. Il seno, infatti, si prepara all’allattamento, diventando più pesante e voluminoso. L’areola e il capezzolo cambiano colore, diventando più scuri.

Stanchezza e sonnolenza improvvisa si manifestano sia nelle prime settimane che nell’ultimo periodo della gravidanza, così come la pollachiuria, ossia lo stimolo a urinare frequentemente.

L’umore può subire bruschi e repentini mutamenti, passando dalla tristezza all’euforia e viceversa. Questo aspetto riguarda sia le variazioni ormonali che i fattori psicologici, frutto di una naturale reazione allo stress e alle aspettative della gravidanza.

 

Come diagnosticare la gravidanza? 

Per avere la conferma di una gravidanza in corso è necessario effettuare un test fai da te. Il test si realizza attraverso l’urina, facendo scorrere il getto sulla striscia rilevatrice, oppure immergendola all’interno di un contenitore pieno. 

Alcuni test in stick reagiscono cambiando colore a causa del rilevamento dell’ormone hCG. Esistono anche dei test digitali, che sono in grado di rilevare non solo se la gravidanza è in corso oppure no, ma anche il numero delle settimane da cui è avvenuto il concepimento.

Per avere risultati attendibili, è possibile effettuare il test già dal primo giorno di ritardo del ciclo; questo in caso di mestruazioni regolari: in caso contrario, invece, è meglio aspettare qualche giorno. In commercio sono presenti anche testi precoci, che hanno una sensibilità più elevata. Questi test, generalmente, sono più costosi rispetto a quelli classici.

 

Le informazioni contenute in questa pagina non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.