Mal di schiena in gravidanza

Il mal di schiena in gravidanza: quali sono le buone abitudini per evitarlo?

Il mal di schiena in gravidanza è un problema abbastanza comune, che riguarda la maggior parte delle gestanti. Il disturbo deriva non solo dal nuovo assetto corporeo, ma anche da come il bambino è posizionato.

Un altro fattore che può aggravare la situazione èl’eccessiva sedentarietà. In gravidanza, come è noto, non sempre ci si sente a proprio agio con il proprio corpo: con il passare dei mesi si diventa anche più impacciate nei movimenti a causa dell’aumento della pancia. Tutto questo tuttava non deve scoraggiare le neomamme a intraprendere uno stile di vita attivo. 

Per esempio, si possono praticare sport in acqua che consentono dei movimenti più fluidi. Camminare a passo moderato è un’altra attività che si può praticare tranquillamente. Mantenere la tonicità dei muscoli è fondamentale per evitare il rilassamento degli stessi, e quindi un maggior affaticamento della colonna e della schiena

Sconsigliato, invece, sollevare o portare pesi. Anche se ci si sente bene in gravidanza, per la salute e il benessere della propria schiena è meglio evitare di compiere sforzi che possono portare a spiacevoli conseguenze.

Una dieta sana è il pilastro della salute anche in una neomamma. Se è vero che le “voglie” sono frequenti, queste ultime non possono rappresentare la norma. Per questo motivo, l’alimentazione deve essere ricca di cibi salutari e preparati in modo semplice. Cibi fritti e grassi o dolci devono essere limitati, proprio perché un aumento di peso incontrollato può portare conseguenze dannose alla schiena.

 

Rimedi per il mal di schiena: quali sono? 

La maggior parte dei rimedi che normalmente si utilizzano per combattere questo disturbo non può essere utilizzata in gravidanza. La prevenzione, quindi, diventa importante. 

Se il dolore è sopportabile, allora bisogna provare a non ricorrere subito alle cure farmacologiche e cercare, attraverso l’attività fisica e la correzione della postura, di ottenere un miglioramento.

Nel caso in cui sia necessaria la somministrazione di un analgesico, perché il dolore ostacola le normali attività, si possono sfruttare le proprietà del Paracetamolo, che consente un’azione di contrasto al dolore e allo stesso tempo è ben tollerato dalle donne in gravidanza.

Come rimedio locale, quindi a uso topico, si possono utilizzare creme naturali a base di arnica, particolarmente indicate a seguito di un trauma o di uno sforzo.

Ricordiamo che è bene rivolgersi al medico se il mal di schiena si accompagna a perdite di sangue e bruciore durante la minzione.

 

 

Le informazioni contenute in questa pagina non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.