Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care

Tendinite

Cos’è la tendinite?

La tendinite è un'infiammazione dei tendini, i forti fasci connettivali che collegano i muscoli alle ossa. Questa condizione è comune nelle parti del corpo ad alta mobilità come:

  • spalle
  • gomiti
  • ginocchia
  • polsi.

Questo processo flogistico si verifica anche nei tendini delle caviglie, ai talloni e ai piedi, nonché quelli che ancorano la muscolatura alla colonna vertebrale.

La tendinite può colpire persone di tutte le età, ma è più comune tra gli atleti che si impegnano in movimenti ripetitivi per lunghi periodi di tempo.

 

Tipi di tendinite

Il termine ""tendinite"" non è specifico per nessun tipo di lesione tendinea. Tuttavia alcuni tipi di tendinite sono descritti con termini legati alla parte del corpo in cui si manifestano.

Eccone alcuni:

  • Tendinite della cuffia dei rotatori, una lesione ai tendini di uno o più muscoli che fortificano l'articolazione gleno-omerale.
  • Gomito del tennista, una lesione ai tendini che si attaccano alla parte esterna del gomito.
  • Tendinite rotulea (o patellare), una lesione al tendine che collega la rotula e la tibia.
  • Tendinite di Achille, una lesione al tallone che collega il polpaccio al calcagno.

 

Cause della tendinite

I tendini, pur essendo resistenti e flessibili, possono soffrire di un processo di degenerazione dovuto a movimenti ripetitivi o all'uso intenso ed eccessivo, per questo è frequente tra gli sportivi.

La tendinite può verificarsi improvvisamente o svilupparsi nel tempo. Per esempio, una persona può sviluppare una tendinite dopo un evento traumatico oppure come risultato di uno stress a lungo termine a carico delle articolazioni durante l'attività fisica.

Ecco alcune cause principali:

  • Movimenti ripetuti
  • Movimenti scomposti
  • Microtraumi
  • Mancanza di flessibilità
  • Affaticamento muscolare e stanchezza fisica
  • Eccessivo stress da sovraccarico
  • Uso di anabolizzanti
  • Usura articolare.

I tendini hanno la funzione fisiologica di gestire lo stress delle contrazioni muscolari, ma possono infiammarsi dopo attività come:

  • correre
  • saltare
  • lanciare
  • oscillare. 

 

Fattori di rischio

Ci sono dei fattori che favoriscono la comparsa di una tendine.

Tra questi:

 

Sintomi della tendinite

La condizione può essere estremamente dolorosa e può iniziare come algia o rigidità nella zona interessata. Il dolore è spesso peggiore quando si muove l'articolazione o dopo averla usata per molto tempo.

I sintomi più comuni della tendinite includono:

  • dolore quando si muove o si applica pressione all'area interessata
  • gonfiore e arrossamento
  • difficoltà a muovere un'articolazione vicina al tendine interessato.

 

Come curare la tendinite

Il trattamento della tendinite dipende dalla gravità della condizione e anche dall'area interessata.

Spesso ci si può affidare ai rimedi casalinghi, infatti il riposo e l'applicazione di un panno contenente ghiaccio possono essere sufficienti se il caso non è grave.

Per le tendiniti di grado più avanzato, farmaci antidolorifici e antinfiammatori possono aiutare ad alleviare il dolore e l'infiammazione. La fisioterapia può aiutare a ripristinare il movimento nell’articolazione colpita, mentre in alcuni casi potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

 

Prevenzione

Ecco alcuni consigli per prevenire la tendinite:

  • Assicurarsi di eseguire un’attività fisica adeguata alla propria preparazione atletica.
  • Non sovraccaricare un muscolo non adeguatamente supportato da una forte articolazione.
  • Valutare lo stato di usura delle cartilagini.
  • Controllare il peso corporeo, associando una dieta equilibrata.
  • Valutare l’assunzione di integratori alimentari.
  • Eseguire sempre un riscaldamento muscolare e articolare prima dell’esercizio fisico.
  • Eseguire esercizi per sviluppare la flessibilità delle articolazioni.
  • Eseguire esercizi di potenziamento delle strutture articolari.

 

Le informazioni contenute in questa pagina non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.