Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care

Bronchiolite nel neonato

Cos’è la bronchiolite del neonato

La bronchiolite nel neonato è un'infezione dell’apparato respiratorio in cui sono coinvolte le vie aeree più piccole: i bronchioli. Nella maggior parte dei casi è causata da infezioni virali ma può anche essere causata da batteri o da una combinazione di entrambi. È una delle più comuni patologie che colpiscono il tratto respiratorio inferiore dei bambini da 0 a 2 anni. L'infezione può essere lieve e non causare sintomi, oppure può essere grave e causare una significativa sofferenza respiratoria.

Cause della bronchiolite nei neonati

Tipicamente, la bronchiolite è causata da infezioni virali e può essere una malattia stagionale o perenne, che varia in gravità e durata. La bronchiolite può seguire un'infezione respiratoria superiore o una malattia virale acuta, o può comparire senza una malattia precedente.

Generalmente, i patogeni responsabili sono:

  • virus parainfluenzale
  • adenovirus
  • virus respiratorio sinciziale (RSV)
  • altri rinovirus.

Esistono anche dei fattori di rischio: la prematurità e l'immunodeficienza.

I neonati con bronchiolite causata da infezione da virus respiratorio sinciziale (RSV) possono peggiorare e richiedere cure intensive. I bambini con malattia grave possono essere ricoverati in un'unità di terapia intensiva per la ventilazione meccanica e altri interventi di supporto vitale.

Sintomi: come si manifesta la bronchiolite nel neonato?

Anche se la bronchiolite non è sempre diagnosticata correttamente nei neonati, può essere facilmente individuata se si presta attenzione ad alcuni sintomi.

I segni e i sintomi includono:

  • febbre
  • aumento della frequenza respiratoria
  • affanno
  • respiro sibilante
  • una tosse fischiante o rumorosa
  • pianto acuto e persistente.

Se notate che il vostro bambino ha difficoltà a respirare, risponde male alle poppate o sembra avere un'apnea (assenza di respiro), contattate immediatamente il vostro pediatra. Ci sono numerose condizioni che devono essere escluse prima di diagnosticare la bronchiolite. In caso di diagnosi di bronchiolite, nei casi più lievi il problema si risolve in 4-5 giorni.

Si può trasmettere?

Essendo il risultato di un virus simil influenzale, ciò che può essere contagiata non è la bronchiolite bensì l’infezione virale. Tuttavia, nei bambini più grandi e con un sistema immunitario più sviluppato, i sintomi non sono diversi da quelli di un comune raffreddore.

Rimedi: come si cura la bronchiolite nei neonati?

Le cure per la bronchiolite spesso includono riposo, liquidi e altri farmaci per ridurre la febbre e aiutare ad aprire le vie aeree bloccate, più raramente ossigenazione. L’obbiettivo del trattamento consiste nel facilitare la respirazione e a prevenire complicazioni come la polmonite. È importante mantenere il vostro bambino comodo e sicuro mentre si riprende, mantenendo un alto livello di attenzione e osservazione.

Anche se molti casi si risolvono senza trattamento, il decorso clinico e la gravità della bronchiolite variano ampiamente tra i piccoli pazienti. Infatti, le forme gravi possono portare al ricovero in ospedale.

Le informazioni contenute in questa pagina non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.