Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Auricolari e cuffie: danneggiano l'udito?
Pubblicato il: 21 luglio

Auricolari e cuffie: danneggiano l'udito?

Secondo queste ricerche sono 10 milioni le persone a rischio sordità a causa dell'utilizzo scorretto di cuffie ed auricolari, pari a circa il 10% degli utilizzatori che ascoltano musica su base quotidiana; lo studio è partito perché pare aumenti sempre più il numero dei giovani con problemi uditivi.

Moderarne l'utilizzo e abbassare il volume le uniche soluzioni per evitare danni.

Le cause e i sintomi

I fattori che causano stress all’apparato uditivo sono diversi: sostanzialmente un uso prolungato, giornaliero e pressante di cuffie auricolari, in-ear e simili, può causare veri e propri danni permanenti.

Negli ultimi tempi si diagnosticano sempre più traumi acustici causati da stress uditivo: gli individui interessati lamentano sintomi quali l’ottundimento auricolare, ossia quella sensazione di pressione nell’orecchio che è conseguente a un’infiammazione del timpano o del canale uditivo, fastidiosi ronzii e un abbassamento del livello di udito.

Tutti questi sintomi possono manifestarsi temporaneamente, ma possono diventare permanenti se non tempestivamente diagnosticati.

Come prendersi cura del proprio udito

In molti casi il volume delle cuffie viene aumentato per non sentire i rumori esterni, come quando si viaggia sui mezzi pubblici o in metro, e per rendere ancora più intensa la fruizione della musica. In tal modo, spesso si superano gli 80-100 decibel.

Cosa fare dunque per non incorrere in più o meno seri problemi di udito?

Il primo step è sicuramente quello di moderare l’uso delle cuffie, alcuni addetti ai lavori consigliano la regola del 60: musica di intensità non superiore a 60 decibel e per non più di 60 minuti al giorno.

Meglio le cuffie che gli auricolari

Il suono che parte da una cuffia esterna, purché non elevato, è più dolce e meno traumatico sulla membrana del timpano.

Gli auricolari e le cuffiette che, invece, vengono applicati direttamente nel padiglione auricolare, hanno un potenziale più dannoso per il timpano, in quanto l’erogazione del suono è a diretto o quasi totale contatto con la membrana.

In più se si hanno delle patologie cutanee l’orecchio può infettarsi e causare fastidio.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.