• Pubblicato il : 10/10/2014
  • Visite: 1472
  • Commenti: 0

Le allergie non sono da attribuire soltanto al periodo primaverile o estivo, ma colpiscono anche durante l’Inverno. Acari, pelo di gatto e fioriture precoci possono provocare disagi simili a quelli sofferti dai soggetti allergici a pollini di piante o erbe che fioriscono in Primavera.

  • Pubblicato il : 22/01/2020
  • Visite: 810
  • Commenti: 0

Le intolleranze alimentari sono più comuni delle allergie. La differenza risiede nel fatto che la reazione al cibo avverso non è provocata dal sistema immunitario, di conseguenza avviene in un tempo maggiormente dilatato.
I sintomi delle intolleranze alimentari, infatti, non si manifestano subito dopo aver ingerito il cibo o la sostanza dannosa, ma anche dopo diversi giorni.

  • Pubblicato il : 19/03/2020
  • Visite: 759
  • Commenti: 0

Come ogni anno, puntuali, insieme alla primavera arrivano i pollini e le loro tanto odiate allergie che iniziano con le prime belle giornate ma possono durare anche diversi mesi.

Tra i sintomi più comuni di allergie primaverili: naso gocciolante, lacrimazione degli occhi, starnuti, tosse, prurito a occhi e naso, eventuale presenza di occhiaie marcate, arrossamento degli occhi, difficoltà respiratorie e attacchi d’asma.

  • Pubblicato il : 24/06/2015
  • Visite: 796
  • Commenti: 0

È primavera: la natura rinasce dopo il lungo inverno, il sole è più caldo, le ore di luce aumentano regalandoci un benessere psicofisico rigenerante.

  • Pubblicato il : 21/03/2016
  • Visite: 791
  • Commenti: 0

Con la stagione dei fiori arrivano, di pari passo, le fastidiose allergie. Conoscere il periodo della fioritura dei principali agenti allergenici può essere un ottimo modo per prevenire gli attacchi di allergia più violenti.

  • Pubblicato il : 16/02/2018
  • Visite: 2119
  • Commenti: 0

In vista dell’arrivo della primavera è bene che i soggetti che soffrono di allergie si preparino al meglio per evitare di rimanere vittima degli antistaminici e dei vari disagi cui sono sottoposti da questa patologia. Ma come fare? Scopriamolo insieme!