Effetti nocivi e benefici dei raggi solari

Data di creazione: 2017-04-28 Visite: 830

A-A-bbronzatissima! Citando questa canzone anni '60 di Edoardo Vianello, non possiamo che immaginarci sdraiati al sole mentre ci guadagnamo una tintarella invidiabile prima dell'estate.

Sono tanti gli effetti benefici dei raggi solari sul nostro organismo ma va ricordato che, insieme a questi, ce ne sono molti negativi che non possiamo trascurare.
Esponendoci al sole per un periodo prolungato e senza le dovute precauzioni, possiamo accelerare l'invecchiamento cutaneo e, nei casi più gravi, potrebbero manifestarsi addirittura tumori della pelle o melanomi.

E' davvero importante, infatti, preparare la pelle al sole e tutelarla dagli effetti nocivi dei raggi UVA e UVB.
Ma qual è la differenza?

I raggi ultravioletti A sono meno potenti dei raggi UVB, penetrano molto profondamente nella pelle mentre, nello strato più superficiale, stimolano la melanina (la molecola che ci fa "abbronzare"). Questa tipologia di raggi solari, nel tempo, possono causare l'invecchiamento precoce del derma e l'insorgere di melanomi o lesioni tumorali.

I raggi ultravioletti B sono anche più pericolosi degli UVA e incidono in profondità anche sugli strati più superficiali dell'epidermide provocando eritemi, ustioni e scottature.

Come possiamo godere dei benefici del sole proteggendo la nostra cute dai suoi effetti nocivi?
Ecco alcune regole di base:

  • Dosare in modo intelligente il tempo di esposizione al sole, a seconda del nostro fototipo: le carnagioni chiare dovranno esporsi, naturalmente, per un tempo molto più limitato rispetto a chi ha una carnagione più scura;
  • Non esporsi negli orari più caldi, quando i raggi solari sono davvero forti;
  • Scegliere dei prodotti solari con un fattore di protezione giusto per il proprio fototipo e rinnovare l'applicazione sulla pelle ogni 2/3 ore;
  • Scegliere dei solari che assicurino protezione sia per i raggi UVA sia per i raggi UVB

Buona abbronzatura da Farmacia Loreto Gallo!

Tags: