Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Il Sole come terapia
Pubblicato il: 13 luglio

Il Sole come terapia

Quando parliamo di moderazione, intendiamo che è sempre meglio esporsi gradualmente al sole, con non più di 15-30 minuti le prime volte ed evitando le ore più calde della giornata (dalle 11.00 alle 14.00), applicando sulla pelle i prodotti solari specifici per il proprio fototipo.

La luce solare è, inoltre, la principale fonte di vitamina D: grazie ad essa, il 7-deidrocolesterolo, presente nel nostro organismo, riesce a trasformarsi in colecalciferolo, ossia la vitamina D3, portando a una crescita esponenziale dell’assorbimento naturale di questo nutriente.

Vitamina D: perché è importante?

La vitamina D è alla base della salute dell’essere umano, e solo grazie al sole il nostro organismo può sintetizzarla, contrariamente agli altri tipi di vitamine, sintetizzabili attraverso l’alimentazione.

Essendo un regolatore del metabolismo del calcio, fondamentale nell’azione di calcificazione delle ossa, il nostro organismo ne necessita determinate quantità per tenere in salute tutto l’apparato scheletrico.

È importantissima anche per il corretto funzionamento di muscoli, cuore, polmoni e cervello e, ancora, da manforte nel contrastare le infezioni, oltre a essere utile per ridurre rischio di sclerosi multipla e di malattie cardiache in via di sviluppo.

Carenza

I benefici del sole, e della vitamina D, sono necessari per la vita dell’essere umano, e non solo, e se ne può comprendere l’importanza anche guardando a ciò che provoca una carenza di vitamina D, conseguente spesso ad una scarsa esposizione.

Quando c’è una carenza di vitamina D, si rischiano malattie gravi, come il cancro al seno, al colon, alla prostata, oltre a patologie cardiache, depressione e aumento di peso.

Ci teniamo a specificare che la vitamina D viene mal sintetizzata dal nostro organismo anche a causa di abitudini dannose, come l’abuso di alcol e l’assunzione di sostanze stupefacenti.

Anche l’assunzione di determinati farmaci può influire sulla quantità di vitamina D presente nel nostro organismo.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.