Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Occhiaie, l’insonnia non è l’unica causa!
Pubblicato il: 17 novembre

Occhiaie, l’insonnia non è l’unica causa!

Prima o poi sperimentiamo tutti il risveglio con le occhiaie, ma la causa di questo inestetismo non è riconducibile esclusivamente alla mancanza di sonno.

Le occhiaie non sono altro che una vasodilatazione dei capillari della palpebra inferiore, causata da una cattiva microcircolazione alla base dell'occhio, una parte molto delicata dove possono ristagnare linfa e sangue venoso. Quest'alterazione del flusso sanguigno, insieme alle predisposizione genetiche del singolo soggetto e al suo stile di vita, forma una sorta di ombra violacea o bluastra, abbastanza difficile da nascondere. Una notte insonne è un fatto occasionale, ma per molti le occhiaie sono una presenza costante. Queste sono le possibili cause:

  • Predisposizione genetica;
  • Fragilità dei capillari;
  • Invecchiamento: la pelle al di sotto degli occhi è molto sottile e con il passare degli anni si assottiglia sempre di più, rendendo più evidenti i vasi sanguigni;
  • Allergie a polvere, polline e graminacee;
  • Farmaci;
  • Stress: fattori di stress possono interferire con la circolazione del sangue nell'area infraorbitale, causando un'accentuazione delle occhiaie;
  • Eccessiva esposizione alla luce solare;
  • Insonnia: in questo caso la formazione di occhiaie può essere anche solo di tipo transitorio e può riguardare un periodo di tempo ristretto;
  • Ritenzione idrica e disidratazione: in entrambi i casi avviene una dlatazione dei vasi sanguigni nella zona peri-oculare che mette in evidenza il fenomeno.
  • Anemia ed alimentazione scorretta con carenza di ferro e vitamine.

Se le occhiaie persistono e sono molto marcate è opportuno consultare uno specialista poiché potrebbero indicare la presenza di disturbi epatici, al fegati, ai reni, alla tiroide o all'apparato gastrointestinale.

Rimedi Naturali per le occhiaie:

Per attenuare e schiarire le occhiaie bisogna riattivare la microcircolazione cambiando le nostre abitudini alimentari e salutari: innanzitutto bisogna dedicare al sonno non meno di 7 ore e dormire in modo regolare; bere molta acqua per migliorare il flusso sanguigno e idratare il corpo, ricordando di eliminare il fumo di sigaretta e diminuire il consumo di alcol e caffeina che causano disidratazione; mangiare cibi ricchi di ferro e vitamine, soprattutto vitamina C e K per il rafforzamento dei capillari, e pertanto arance in spremuta, carote, kiwi, pompelmi, succo di limone, peperoni, fragole, pomodori e lattuga.

Ogni giorno vanno applicate creme idratanti naturali per nutrire la zona specifica, ad esempio a base di ribes nero e mirtilli che hanno proprietà vasoprotettrici; Il vecchio rimedio della nonna di applicare sugli occhi delle fettine di patata avvolta in una garza pare essere efficace dato il potere decongestionante della patata, così come per il cetriolo che è un potente antiossidante.