Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Sterno gonfio? Ecco le possibili cause
Pubblicato il: 23 dicembre

Sterno gonfio? Ecco le possibili cause

Le possibili cause

Esostosi

Tale sintomatologia può essere conseguenza dell’esostosi, che si presenta con:

  • la formazione di tessuto osseo benigno a partire dalla superficie di ossa preesistenti,
  • l’aumento del margine cartilagineo dello stesso.

Si tratta di una sindrome caratterizzante dell'età adulta, degenerativa e dolorosa per la quale non esistono molti trattamenti se non l’intervento chirurgico.

La sindrome di Tietze

La sindrome di Tietze è un'infiammazione dolorosa che affligge soprattutto le cartilagini costali superiori. È una affezione reumatologica rara, cronica a decorso benigno e caratterizzata da dolori ricorrenti e tumefazioni a carico delle articolazioni localizzate nel torace.

Il dolore di solito è ben localizzato ma può spostarsi verso il torace e le braccia.

Lo stato infiammatorio cronico può essere innescato da infezioni oppure da traumi: nello specifico, sembra esserci un collegamento con patogeni che infettano l’apparato respiratorio o quello gastrointestinale.

Altre cause possono essere i traumi a carico del torace, specialmente quelli sportivi, oppure la radioterapia.

Altre cause

Le altre cause che possono portare a gonfiore dello sterno sono:

  • Artrosi sterno claveare: piuttosto rara a causa delle limitate possibilità di movimento della stessa articolazione. È più frequente negli uomini e sul lato dominante e può essere accompagnata da dolore e gonfiore dovuto al versamento infiammatorio.
  • Infezioni articolari o artrite settica: un’infezione batterica a livello articolare. I patogeni più spesso coinvolti sono lo Stafilococcus aureus e il Micobatterio tubercolare, che causa sterno gonfio ma non accompagnato da dolore.
  • Spondilite anchilosante: provoca manifestazioni articolari diffuse soprattutto a carico della colonna vertebrale. Quando affligge la sterno clavicolare, la spondilite anchilosante è spesso asimmetrica.
  • Sinoviti: possono provocare versamento articolare e determinare gonfiore allo sterno.
  • Osteite condensante: una manifestazione dolorosa che interessa l’articolazione sterno clavicolare, il cui decorso va attentamente monitorato.
  • Lussazione sterno clavicolare: deve essere necessariamente trattata a livello ospedaliero per valutare anche un possibile intervento chirurgico.

Il nostro primo consiglio è quello di rivolgersi a un medico proprio per la varietà delle cause e delle patologie sottese al gonfiore dello sterno.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.