Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Viaggi all'estero: la profilassi medica consigliata
Pubblicato il: 28 luglio

Viaggi all'estero: la profilassi medica consigliata

Di conseguenza, le autorità sanitarie di tutto il mondo hanno dato maggior rilievo alla tutela della salute della popolazione, tenendo conto dei possibili focolai di infezioni e delle precarie situazioni igienico-sanitarie di alcune aree del mondo.

Nessuna paura però: il rischio si può ridurre grazie a opportune precauzioni, profilassi e vaccinazioni eseguite prima del viaggio.

Informazione e prevenzione

Per ridurre il rischio di ammalarsi e di rovinare la propria vacanza, ma anche per conoscere quale iter seguire in base alla propria destinazione, l’ideale è consultare il proprio medico 4-6 settimane prima della partenza.

In base alla meta del viaggio è opportuno tener conto di tutti quelli che possono diventare fattori di rischio:

  • condizioni ambientali a cui il corpo non è abituato;
  • alimenti e acqua, a volte non accuratamente depurata in alcuni paesi;
  • presenza o meno di insetti o parassiti nell'ambiente e negli animali con cui si può venire a contatto;
  • comportamenti sessuali che possono aumentare il rischio di trasmissione di infezioni.

Profilassi e Vaccini

Le vaccinazioni sono un efficace metodo di prevenzione nei confronti di diverse malattie che si possono contrarre in viaggio.

È sempre importante controllare di essere in regola con le vaccinazioni previste dal programma nazionale. In Italia sono obbligatorie le vaccinazioni contro:

  • difterite e tetano (Dt);
  • poliomielite (Ipv);
  • epatite B (Hb),

Sono invece fortemente raccomandate quelle che proteggono da:

  • morbillo, parotite e rosolia (Mpr)
  • infezioni da Haemophilus influenzae b (Hib).

In base alla meta del viaggio, vengono consigliati dei vaccini o delle profilassi specifiche contro diverse malattie.

L’unico certificato che deve essere richiesto nei viaggi internazionali, limitatamente ad alcuni viaggiatori, è quello contro la febbre gialla. Diversi Paesi richiedono un certificato internazionale di vaccinazione ai viaggiatori che arrivano da zone infette o che sono transitati in quele aree, mentre altri paesi richiedono un certificato a tutti i viaggiatori che entrano, inclusi quelli in transito.

Per ciò che concerne la malaria, per ogni Paese situato in zone endemiche è raccomandata una chemioprofilassi specifica, in base alle specie e al livello di farmaco-resistenza dei parassiti presenti.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.