Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Come combattere la Fame Nervosa
Pubblicato il: 04 aprile

Come combattere la Fame Nervosa

Vedere il cibo come l’unica evasione possibile da un’attività noiosa o impegnativa, mangiare anche quando non si ha fame o troppo velocemente, senza assaporare il cibo, e abbuffarsi in maniera compulsiva con qualsiasi cosa ci capiti tra le mani per poi sentirsi in colpa, sono sintomi di un comportamento alimentare scorretto determinato da disturbi psicologici o situazioni d'ansia e stress
Gli attacchi di fame nervosa possono avere anche un origine biologica: alla base ci sarebbe un malfunzionamento dell'ipotalamo sul controllo dei segnali che il cervello invia al corpo quando i livelli di zucchero sono troppo bassi, con la conseguenza di un abbassamento dell'indice glicemico, che induce il senso di fame.

Per combattere la fame nervosa ci sono degli integratori anti-fame naturali e senza controindicazioni, che fanno al caso nostro, come quelli a base di magnesio, rodiola e alga spirulina.

L'esercizio fisico è un alternativa per riempire i momenti di noia: quando abbiamo un momento di pausa e non sappiamo come impiegare il tempo, anche una semplice passeggiata può aiutarci a distogliere il pensiero dal cibo.

Un altro consiglio utile per controllare la fame è quello di dedicare il giusto tempo al sonno: dormire meno di otto ore a notte significa aumentare il livello di stress e di ansia, che inducono alla fame nervosa. Inoltre, molti attacchi di fame avvengono durante le ore notturne a causa dell’insonnia o perché restiamo svegli fino a tardi; dedicare il giusto tempo al sonno significa ridurre la probabilità di avere attacchi di fame, anche durante il resto della giornata.

Quando si avvertono i sintomi della fame nervosa, bisogna resistere alla tentazione di cedere a cibi grassi e calorici, preferendo alimenti più salutari ed altamente sazianti come: ananas, kiwi, arance, banane, prugne (contenenti anche serotonina, l'ormone che influisce sull'umore), salmone, lattuga, rucola, carote, spinaci, yougurt, latte magro, ricotta, pollo e tacchino. Anche le spezie come la paprica, lo zenzero e la cannella, prolungano la sensazione di sazietà. È consigliabile mangiare lentamente per controllare i nostri comportamenti durante i pasti, e non bisogna mai dimenticare di consumare uno spuntino tra un pasto e un altro.

Sono assolutamente da evitare cibi come: bibite gasate, prodotti da forno industriali, insaccati, alimenti sott'olio, maionese, patatine, snack salati e tutti gli alimenti ricchi di zuccheri aggiunti, in quanto gli zuccheri vengono bruciati in fretta dal metabolismo e il senso di fame si risveglia molto presto.