Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Acqua nelle orecchie: i sintomi e come toglierla
Pubblicato il: 21 giugno

Acqua nelle orecchie: i sintomi e come toglierla

La sensazione di avere acqua nell'orecchio è una condizione abbastanza comune che può palesarsi sia dopo un bagno in vasca o una doccia che dopo una nuotata in piscina o a mare.

Spesso dà la sensazione di avere l’orecchio chiuso per poco tempo e poi andare via da sola, mentre nelle situazioni in cui si ha l’acqua nelle orecchie che non esce, è possibile che essa vi rimanga per giorni e porti a disturbi quali l’infiammazione dell’orecchio.

Cause dell'acqua nelle orecchie

Come anticipato, l’acqua può infiltrarsi nelle orecchie durante la doccia, un bagno, un tuffo in in mare o durante la stessa pulizia dell’orecchio. Nella stragrande maggioranza dei casi, l’acqua defluisce da sola dalle orecchie e non arreca alcun disturbo.

In alcuni casi, però, ci si rende subito conto che è rimasta un po’ d’acqua all’interno dell’orecchio poiché si ha la sensazione di avere le orecchie tappate. Questo capita quando non si riesce a togliere l'acqua dalle orecchie che, quindi, si accumula nel timpano.

I rischi

Soprattutto in inverno, la presenza di acqua nelle orecchie può arrecare squilibri nella regolazione della temperatura, predisponendo il condotto uditivo alle conseguenze del freddo durante i mesi invernali.

La presenza di tale liquido non crea solo mal d’orecchio, ma può arrecare anche altri disturbi se vi resta bloccata per diverso tempo. Nei casi in cui si fosse già manifestata un’infiammazione dell'orecchio, è molto indicato consultare il proprio otorinolaringoiatra di fiducia, in quanto solo uno specialista può decidere la cura migliore per scongiurare recidive.

Sintomi dell'acqua nelle orecchie

Tra i sintomi dell'acqua nelle orecchie c’è sicuramente quello di avvertire una sorta di rumore di acqua nell’orecchio, che può portare anche a prurito dentro le orecchie.

Il sintomo classico è quello di avere l’orecchio otturato, che non consente il corretto udito dei suoni. Quando non si riesce a espellere l’acqua dall’orecchio interno, è possibile che si palesino sintomi più fastidiosi, come un leggero acufene o anche una fastidiosa e dolorosa infezione quale l’otite.

Acqua nelle orecchie nei bambini

Nei bambini, l’acqua nelle orecchie può portare all'infiammazione dell'orecchio, che è portata a svilupparsi più rapidamente in quanto la loro tuba di Eustachio è più corta e più stretta e il loro sistema immunitario non è ancora pronto a fronteggiare tali condizioni come quello di un adulto.

In sostanza, se l'acqua contiene germi e mantiene umido il condotto uditivo del piccolo, può palesarsi un'otite media. Quando invece il liquido si raccoglie dietro il timpano, si tratta di un versamento dalla cavità timpanica che provoca dolore ed è più comune nei bambini piccoli: bisogna curare tale condizione rapidamente in quanto può dare dolore e portare a una ridotta capacità uditiva.

Come togliere l'acqua dalle orecchie: alcuni consigli pratici

In prima battuta si può provare a stappare le orecchie scuotendo o inclinando la testa o inserendo delicatamente la punta di un fazzoletto non troppo spesso nel condotto uditivo.

Quando l’acqua non fuoriesce, è necessario essere delicati ed evitare l’utilizzo di oggetti non consoni che potrebbero causare un forte dolore. In alcuni casi è una buona soluzione l’ausilio di un asciugacapelli per eliminare l'acqua all'interno delle orecchie: nel caso, è importante tenerlo a sufficiente distanza dall'orecchio e impostare il calore al livello più basso per evitare scottature e altri disturbi.

Se tali rimedi risultano inefficaci e la sensazione di orecchio ovattato non va via dopo alcuni giorni, è probabile che si sia formato un tappo di cerume che è trattabile con gocce o spray stappa orecchie, capaci di ammorbidire e fare defluire il cerume stesso.

Prevenzione

Per evitare di ritrovarsi con dell’acqua stagnante nelle orecchie e di doverne subire i disturbi che possono conseguirne, basta osservare poche semplici buone pratiche: su tutte, potrebbe essere utile valutare l’acquisto di tappi per orecchie da indossare mentre si è in acqua, oltre a pulire sempre le orecchie dopo una lunge permanenza a contatto con l’acqua, sia essa in bagno, doccia, dopo una nuotata al mare o in piscina.

Prodotti utili

Lofarma Audiolswim

Olio formulato con tea tree oil, perfetto per proteggere da infiammazioni all’orecchio (otite esterna o interna che possono presentarsi a causa del regolare contatto con l'acqua che favorisce la crescita di batteri e funghi.

Aquasport

Tappi auricolari che fungono da filtro che limita l’ingresso di acqua nel condotto uditivo. Si tratta di un prodotto anallergico privo di PVC, lavabile e riutilizzabile. Nella confezione è incluso un astuccio che permette di conservarli in modo igienico.

Aget Medi Ear

Cono per il benessere dell'orecchio che esplica un'azione calorica volta a corroborare la mollificazione del cerume e la sua rimozione, facilitandone l'espulsione se in eccesso. Sfrutta un esclusivo sistema a doppia funzione, oltre a eliminare anche eventuali odori sgradevoli.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.