Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Come sono i lividi pericolosi? Ecco quando preoccuparsi!
Pubblicato il: 26 aprile

Come sono i lividi pericolosi? Ecco quando preoccuparsi!

I lividi sono delle fuoriuscite di sangue che restano però limitati dalla cute.

Il colore dei lividi è in genere rosso-violaceo e possono conseguire a eventi patologici locali e di lieve entità, fino a essere causati da disturbi che interessano tutto il corpo, tra cui si trovano le ematopatie, le neoplasie e le patologie del fegato.

Certo, alcuni lividi sono pericolosi ma in gran parte dei casi, un livido è dovuto a un trauma che non ha leso la pelle, non consentendo al sangue di fuoriuscire.

Cause dei lividi

La comparsa di lividi è spesso conseguente a un urto o una lesione diretta che porta a una compressione innaturale del tessuto sottopelle e delle fibre muscolari, che però non lacera la cute. A subire il danno sono soprattutto i vasi capillari presenti al di sotto del tessuto cutaneo, che trattiene il sangue che ne fuoriesce.

È importante ricordare quanto i vasi sanguigni tendano a diventare più fragili man mano che si invecchia (fragilità capillare) quindi, nel caso degli anziani, è fisiologico che i lividi sul corpo si presentino con maggior facilità. Si parla, a volte, anche di lividi da stress, quando è quest’ultimo a indebolire la salute del sistema cardiocircolatorio.

Quando si presentano lividi in maniera inspiegabile, come i lividi improvvisi sulle gambe, si può essere portati a pensare di essere malati di leucemia; in realtà nella stragrande maggioranza dei casi la paura è del tutto immotivata e la tendenza allo sviluppo di frequenti ecchimosi è spiegabile attraverso una marcata fragilità capillare. I lividi da leucemia sono conseguenti a una drastica riduczione delle piastrine che provocherebbe la comparsa di emorragie molto più gravi, contestualmente ad altri sintomi.

Fattori predisponenti e/o aggravanti

Tra i fattori che possono predisporre una persona alla comparsa di lividi, troviamo:

  • Invecchiamento: con il tempo che passa, i capillari diventano più fragili, quindi più esposti a rotture.
  • Tipologia e spessore della cute: un livido è più evidente sulla cute molto chiara e fine.
  • Utilizzo di determinati farmaci che fluidificano il sangue.
  • Sbalzi della pressione del sangue, conseguenti a sforzi eccessivi.

Quando preoccuparsi?

Si parla di lividi sospetti da far controllare a un medico, quando persistono e non guariscono entro due settimane. Tuttavia, si potrebbe trattare di lividi preoccupanti anche quando viene avvertito un forte senso di pressione nell’area di pelle interessata, con formicolio e/o perdita della sensibilità.

Ci teniamo, a ripetere che buona parte dei traumi porta a lividi non preoccupanti, ma è sempre importante contattare il medico quando viene compromessa la mobilità di un'articolazione oppure nel caso in cui:

  • I lividi continuano a formarsi con troppa facilità, senza cause ben precise.
  • Causano un intenso dolore o iniziano ad aumentare di volume.
  • Si palesano i sintomi di un'infezione.

Prodotti utili

Ematonil Plus Emulsione Gel

Crema a base di arnica, escina e bromelina, utile nei casi in cui bisogna ripristinare le normali condizioni cutanee, in conseguenza a infortuni, cadute, contusioni e lividi.

Arnidol Bump Stick

Gel che allevia colpi, lividi e il dolore conseguente a traumi. Diminuisce la durata dei lividi e la sua confezione in stick ne facilita l’applicazione.

Argital Crema All'arnica

Cremqa che sfrutta i benefici dell’Arnica uniti a quelli del gel di Argilla verde per ridurre e far scomparire i lividi. Adatta agli sportivi.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.