• Pubblicato il : 27/12/2018
  • Visite: 2713
  • Commenti: 0

Il mal di gola è un malanno di stagione molto fastidioso. Nella maggior parte dei casi cessa senza trattamento medico o con l'uso di antinfiammatori, come ibuprofene o paracetamolo.

  • Pubblicato il : 04/02/2019
  • Visite: 2738
  • Commenti: 0

La nausea è una sgradevole sensazione di malessere che si avverte a livello della gola e dello stomaco che, spesso ma non sempre, può portare al vomito.

  • Pubblicato il : 15/05/2019
  • Visite: 3184
  • Commenti: 0

Il mal di testa, o cefalea, è un disturbo sempre più diffuso a causa dello stile di vita moderno, sempre più frenetico e dominato dallo stress.

 

  • Pubblicato il : 07/10/2014
  • Visite: 1655
  • Commenti: 0

L'acne è un disordine cronico - infiammatorio del follicolo pilifero e delle ghiandole sebacee che, funzionando più del normale, provocano un aumento del grasso della pelle, definito seborrea.

Non riguarda solo gli adolescenti, l’acne colpisce anche il 25% degli adulti, sopratutto donne. 

  • Pubblicato il : 08/11/2019
  • Visite: 911
  • Commenti: 0

Il mal di gola, o più tecnicamente faringite, è una fastidiosa e dolorosa irritazione del cavo orale che può essere accompagnata da una serie di sintomi, tra l’altro molto comuni: gola secca e arrossata, difficoltà nella deglutizione, bruciore, raucedine, dolore e, nei casi in cui sia legata a stati influenzali, raffreddore, mal di testa, nausea, tosse, febbre, linfonodi ingrossati e tonsille gonfie

  • Pubblicato il : 08/11/2019
  • Visite: 527
  • Commenti: 0

La fitoterapia fa ricorso a tutte le piante presenti in natura ed è uno dei metodi più antichi che si conosca per curarsi. Le piante, in continua evoluzione, hanno sviluppato innumerevoli metaboliti secondari finalizzati alla preservazione della specie. Ancora in bilico tra biomedicina, farmacologia e medicina alternativa, la fitoterapia è in continuo aggiornamento e sta diventando sempre più moderna e popolare, grazie al suo carattere “ecologico”. Ricorrere  alle piante per curarsi, infatti, è un modo per sentirsi parte della natura e contribuire a proteggerla.