Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Come riconoscere e curare le emorroidi interne
Pubblicato il: 24 marzo

Come riconoscere e curare le emorroidi interne

Esse affliggono le strutture di sostegno del canale ano-rettale, portando allo scivolamento verso il basso di tali tessuti. Nello specifico, il cedimento della mucosa rettale spinge verso l'esterno le emorroidi interne che a loro volta trascinano con sé quelle esterne causando i tipici sintomi della patologia.

Cause delle emorroidi

Le disfunzioni intestinali, come stitichezza o diarrea cronica, sono tra le cause principali, specialmente se accostate a cattive abitudini che possono anche da sole provocare o aggravare il disturbo. Tra le cause delle emorroidi troviamo:

  • Assunzione continua di lassativi;
  • sedentarietà;
  • sforzi eccessivi, anche durante la defecazione;
  • abuso di alcol e/o nicotina;
  • alimentazione scorretta.

In più, non sono pochi i casi di emorroidi in gravidanza, che possono influire negativamente sul benessere fisico, psichico, sociale delle donne incinta e sui loro percorsi clinico-assistenziali, rendendoli più problematici.

Sintomi delle emorroidi

Gli individui che soffrono di emorroidi interne hanno spesso una sintomatologia comune che concerne:

  • dolore e sensazione di bruciore;
  • sanguinamento anale(emorroidi sanguinanti);
  • pesantezza a livello rettale;
  • secrezione di muco;
  • prurito anale;
  • prolasso.
     

Tipologie di emorroidi

In base alla gravità della malattia, è possibile identificare quattro diverse tipologie di emorroidi:

  • Di primo grado: in questi casi potrebbe essere sufficiente assumere almeno due litri di acqua al giorno, accostati da una dieta da seguire che sia varia e ricca di frutta e verdura, praticare sport, e regolarizzare l’intestino, magari assumendo fermenti.
  • Di secondo grado: si rende necessaria una cura farmacologica indicata da un medico che, in alcuni casi, potrebbe consigliare anche trattamenti ambulatoriali, quali le legature elastiche o la scleroterapia.
  • Di terzo e quarto grado: in questi casi parliamo di una congestione emorroidaria con prolasso esterno(che può essere ridotto solo manualmente) o, peggio, di un prolasso muco emorroidario esterno non riducibile. In questi casi può essere necessaria la chirurgia.

Emorroidi interne ed esterne

Ai fini diagnostici e terapeutici va eseguita una distinzione tra emorroidi interne ed esterne: le prime sono localizzate all'interno del canale anale e sono pertanto visibili sono per mezzo di un apposito esame anoscopico. Le seconde, per via della loro protrusione dall'ano, sono invece le emorroidi esterne.

Prodotti utili

Esistono alcuni prodotti che, agendo sulla circolazione sanguigna, possono aiutarci a combattere questo disturbo.

Populeo Emorroidi

Integratore alimentare per emorroidi che migliora la circolazione, l'elasticità e la permeabilità dei vasi sanguigni. Si consiglia l'assunzione di due compresse al giorno, durante i pasti principali. Contiene Mirtillo, Rosa Canina, Rusco, Ippocastano, Cardo Mariano, Bioflavonoidi, Coenzima Q10, Vitamina K.

Proctolyn Integra plus

Integratore alimentare con diosmina, ruscus aculeatus, rutina e vitis vinifera (OPC), utile nelle situazioni in cui è necessario favorire la naturale circolazione venosa del plesso emorroidario e del microcircolo degli arti inferiori e aiutare il fisiologico trofismo dei tessuti di sostegno della parete vasale. A base di

  • Diosmina, un bioflavonoide di origine naturale estratto dal citrus aurantium, checontribuisce a preservare l’integrità della parete vasale.
  • Ruscus Aculeatus, pianta che grazie alle sue saponine steroidee (ruscogenine) e ai polifenoli,favorisce la naturale funzionalità del plesso emorroidario e del microcircolo.
  • Rutin, un glicoside flavonoico di origine vegetale, dotato di proprietà antiossidanti, utile per normalizzare il trofismo del microcircolo.
  • Vitis Vinifera, che contiene un insieme di proantocianidine oligomeriche naturali (OPC), e ha un’azione antiossidante.

Daflon

Grazie all'azione sinergica dei suoi componenti riesce a contrastare eventuali sintomi attribuibili a insufficienza venosa o stati di fragilità capillare. Ogni compressa rivestita con film contiene un principio attivo frazione flavonoica purificata, costituita da diosmina e flavonoidi.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.