INIZIA IL black FRIDAY 3 |15% su tutto con il coupon 15alcubo | SCOPRI di più

Customer care
Funghi della pelle: cosa sono, come riconoscerli e come curarli
Pubblicato il: 31 agosto

Funghi della pelle: cosa sono, come riconoscerli e come curarli

Tipi di funghi della pelle

Esistono diversi tipi di funghi della pelle:

  • Dermatofiti: dei patogeni che intaccano la salute degli strati cutanei superficiali e degli annessi cheratinizzati (capelli, peli ed unghie), ovvero dove si trova lacheratina di cui si nutrono.
  • Lieviti: dei microrganismi che si riproducono molto rapidamente, insediandosi in aree del corpo caldo-umide. Alcuni di essi sono normalmente presenti sulla cute e non creano alcun disturbo.
  • Muffe: sono funghi multicellulari responsabili soprattutto di micosi profonde e sistemiche, più raramente causano infezioni cutanee e superficiali.

Tipologie di micosi e sintomi principali

In base al tipo di fungo possono variare anche i tipi di micosi, vediamo insieme le più comuni:

  • Tinea corporis: si presenta spesso nelle aree di cute prive di peli, con chiazze circolari aventi il bordo in rilievo, arrossato e desquamante, che si allargano man mano, portandoin alcuni casi a lieve bruciore o prurito.
  • Tinea cruris: si manifesta nelle pieghe cutanee, soprattutto quelle inguinali, causando irritazioni inguinali con ampie chiazze ed è spesso associata a prurito.
  • Tinea pedis: si presenta generalmente nello spazio tra le dita dei piedi, facendo apparire la zona di cute molle, di colore bianco-giallognola e con lieve arrossamento. Quando si hanno funghi ai piedi, si può andare incontro a infezione, con arrossamento più intenso, gonfiore, ragadi ed è quasi sempre accompagnata da prurito, bruciore e fastidio.
  • Onicomicosi: affligge unghie dei piedi e delle mani alterandone l'aspetto. Il colore diventa biancastro-giallognolo, e l'unghia molle, fragile, con tendenza a sbriciolarsi e/o a sollevarsi.
  • Candidosi cutanea: si presenta nelle pieghe cutanee di varie parti del corpo con chiazze rosso vivo, a volte accompagnate da vescicole o pustole, e sempre caratterizzate da prurito, spesso da lieve gonfiore, bruciore o dolore.
  • Pitiriasi versicolor: si presenta spesso su spalle, collo, parte alta delle braccia, schiena, addome con chiazze circolari-ovoidali di colore contrastante con quello della pelle normale, spesso asintomatica.

Cause e fattori di rischio

Le cause della formazione di funghi sono generalmente ambientali, causate dalle spore fungine, dai lieviti, dalle muffe, e da altri agenti patogeni che, spesso, approfittano di un indebolimento del sistema immunitario.

I fattori di rischio che favoriscono l'infezione sono:

  • Utilizzo eccessivo di detergenti
  • Scarsa cura dell'igiene personale
  • Terapie antibiotiche o cortisoniche protratte per troppo tempo, che possono indebolire le naturali difesee rendere aggressivi anche funghi normalmente presenti nella microflora della pelle
  • Non indossare delle calzature quando si frequentano luoghi pubblici, come docce in palestra o piscine
  • Tasso di umidità cutanea troppo elevato, soprattutto a causa del caldo e della sudorazione
  • Sovrappeso e obesità
  • Diabete
  • Gravidanza, a causa dei cambiamenti ormonali che la caratterizzano.

Quanto tempo durano i funghi della pelle?

I funghi della pelle vanno via da soli, se non quando l'infezione è lieve. In gran parte dei casi è necessario ricorrere a terapie dedicate, che non hanno solo lo scopo di combattere l'infezione ma, come nel caso di alcuni farmaci, che possano essere utili anche per evitare il rischio di recidive.

Come curare e prevenire le micosi della pelle

Le regole fondamentali per prevenire i funghi sulla pelle sono:

  • Indossare e utilizzare esclusivamente biancheria personale
  • Indossare sempre le ciabattine nei luoghi pubblici
  • Non indossare vesititi troppo aderenti e realizzati con fibre artificiali, che favoriscono il ristagno di umidità
  • Utilizzare detergenti delicati per mantenere le difese della pelle inalterate
  • Non esagerare con le terapie farmacologiche

Il trattamento delle micosi cutanee si esegue con farmaci a base di antimicotici, in formato per l'applicazione topica, come creme, gel, polveri e shampoo, oppure da assumere per bocca o per via endovenosa, che il medico indica in base al tipo, alla localizzazione e alla gravità della micosi.

Ci sono anche rimedi naturali con azione antimicotica, come nel caso dell’olio essenziale di melaleuca (o tea tree oil), ma raccomandiamo di diluirne l'olio o di utilizzarlo in preparazioni dedicate, in quanto può essere irritante.

Prodotti utili

Trosyd Spray

Farmaco antimicotico utile per la cura delle dermatomicosi grazie al suo principio attivo ad azione fungicida e antibatterica che lo rende efficace sia nei confronti di lieviti e dermatofiti, sia nei confronti di batteri Gram-positivi, riducendo così il rischio di recidive.

Trosyd Detergente

Coadiuvante cosmetico utile per una efficace detersione di viso, corpo e cuoio capelluto in caso di pelle soggetta a micosi grazie all’acido lattico, agli estratti di Camomilla e ai suoi delicati tensioattivi che aiutano a formare un ambiente sfavorevole all’azione di funghi e batteri.

Canesten Unidie

Preparato per uso topico ad azione antifungina che opera localmente eliminando i funghi della cute. Molto utile nella cura di micosi del piede e della mano e nelle onicomicosi.

Trosyd Polvere

Farmaco antimicotico in polvere efficace nel trattamento delle micosi cutanee, grazie al suo principio attivo a doppia azione fungicida e antibatterica che riduce, inoltre, il rischio di recidive. Indicato per le aree di pelle soggette ad assorbimento di sudore o secrezione (piedi).

Daktarin

Questa crema è indicata per la cura delle infezioni della cute o delle unghie, efficace anche in presenza di infezioni batteriche.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.