Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Vesciche alle dita dei piedi: tutte le cause e i rimedi più efficaci
Pubblicato il: 10 ottobre

Vesciche alle dita dei piedi: tutte le cause e i rimedi più efficaci

Cosa sono le vesciche ai piedi?

Vesciche e calli ai piedi sono disturbi relativamente comuni e fastidiosi che si presentano su dita, talloni e pianta del piede.

Quando si parla di vesciche ai piedi ci si riferisce a delle lesioni cutanee, contenenti un liquido trasparente. Generalmente, si formano in poco tempo come conseguenza di pressioni eccessive e sfregamenti reiterati, ma anche delle temperature, come le vesciche ai piedi da sudore.

Possono rivelarsi anche molto dolorose, specialmente quando si rompe la membrana esterna.

Come riconoscere le vesciche ai piedi: i sintomi

Questo tipo di vesciche presenta spesso una forma rotonda, come se fossero un rigonfiamento al cui interno è presente un liquido limpido, sieroso o siero-ematico.

Quasi sempre, tali lesioni nascono nello spessore dell'epidermide o tra quest’ultimo e il derma, spesso a causa di attrito con le calzature: si possono presentare come bolle sotto i piedi, bollicine d'acqua sul tallone o tra le dita dei piedi, generando sintomi quali dolore, bruciore, arrossamento e prurito.

Come si formano le vesciche?

Le vesciche si formano come conseguenza dell'eccessiva pressione o della reiterata frizione contro una area di cute: un esempio è quando la pelle del piede sfrega contro una parte di sandali o altre calzature che non calzano a modo, come nel caso della vescica sul tallone.

Si palesano più facilmente sulla cute quando umida e in estate, soprattutto se si cammina tanto e si utilizzano calzature nuove, rigide o troppo strette.

Perché vengono le vesciche ai piedi: le cause

Oltre agli eventi sopra descritti, le cause che possono predisporre e/o portare alla formazione di vesciche sono:

  • Caldo e sudorazione dei piedi
  • Attività fisica prolungata.
  • Indossare calzature strette o scomode.
  • Indossare calzini sintetici, sottili o ruvidi.

Come conseguenza di tali fattori, la pelle sfrega, si surriscalda e si arrossa: generalmente, l'attrito reiterato causa la separazione dell'epidermide (lo strato più esterno della pelle) dagli strati inferiori, portando i capillari a far fuoriuscire del siero che si accumula sotto la pelle, creando una bollicina traslucida.

In sostanza, il formarsi della vescica è una sorta di meccanismo di protezione da ulteriori pressioni, per la cute infiammata, come le piccole vesciche sulle dita dei piedi che si presentano quando si indossano spesso scarpe strette sulla punta.

Come prevenire l'insorgenza delle vesciche ai piedi

È possibile evitare l’insorgenza delle vesciche e di diversi tipi di calli ai piedi optando per calzini e scarpe adatti alle proprie misure e alle proprie attività quotidiane.

Le scarpe devono contenere saldamente i talloni e devono essere prive di punti di pressione o sfregamento. Se si cammina molto, è importante che la scarpa si pieghi bene durante la passeggiata. In caso di sport, esistono calzini in materiali tecnici che presentano zone di tessuto ideate appositamente per evitare lo scivolamento del piede. In via preventiva, è possibile applicare dei cerotti o del nastro medico, ricoprendo le bolle d'acqua sulla pelle dallo sfregamento.

Come curare le vesciche ai piedi

La cura di una vescica parte da una profonda e frequente igiene dell'area in cui è localizzata, per evitare l’accumulo di sporco o principi irritanti: è possibile anche applicare un cerotto per vesciche.

Quando non portano ad avere i piedi doloranti e non sono un ostacolo per camminare, l’ideale è lasciarle intatte, senza bucarle, per poi farle guarire da sole. Quando invece si nota che sono vicine alla rottura è molto importante:

  • Disinfettare e utilizzare un ago per aprire il margine della vescica in uno o più punti.
  • Esercitare una piccola pressione, aiutandosi con una garza per far uscire il liquido.
  • Applicare un antisettico, per scongiurare infezioni.
  • Medicare con una garza sterile, da tenere fino alla completa guarigione.

Per ridurre i rischi di infezione quando la vescica si rompe accidentalmente, è bene ricorrere a un antisettico e coprire con una garza sterile la zona, da cambiare ogni giorno.

È possibile che, in base allo stato della vescica,tornino utili anche:

  • l’applicazione locale di antisettici per corroborare la guarigione e scongiurare il palesarsi di processi infettivi;
  • l’assunzione di antibiotici, nel caso si presenti una sovrainfezione batterica.

Prodotti utili

Cerotti Scholl

Cerotti per trattare le vesciche delle dita dei piedi: si tratta di protezioni avanzate per vesciche che donano sollievo immediato dal dolore, grazie all'innovativa tecnologia a doppio strato Hydra-Guard, che protegge la cute dalle pressioni e accelera la guarigione.

Cerotti Compeed®

Cerotti che sfruttano la tecnologia dell'Idrocolloide, che sfrutta delle microparticelle che assorbono l'umidità dalla vescica e aiutano a riequilibrare il livello di umidità. Apportano sollievo immediato dal dolore, proteggono dallo sfregamento e velocizzano i tempi di guarigione.

Cerotti Nok San

Cerotti dotati di supporto trasparente impermeabile, efficaci per corroborare la guarigione delle vesciche. Proteggono dagli sfregamenti e si adattano a ogni tipo di calzatura.

Stick Anti Vesciche Compeed®

Ideato per ridurre gli sfregamenti e l'attrito sulla cute, aiutando a prevenire la formazione delle vesciche e delle irritazioni. Molto consigliato per le scarpe aperte, è utilizzabile anche sulle altre parti del corpo, per proteggerle dagli sfregamenti.

Benped Vesciche

Cerotti elastici e aderenti che proteggono la pelle: sono sottili ai bordi e più spessi al centro, in modo da ridurre la pressione e lo sfregamento, riducendo il dolore.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.