Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Colpo di freddo all'orecchio: ecco come alleviare il dolore
Pubblicato il: 29 novembre

Colpo di freddo all'orecchio: ecco come alleviare il dolore

Le orecchie sono degli organi molto delicati che il corpo sfrutta non solo per sentire, ma anche per regolare il senso dell'equilibrio.

Quando le temperature cambiano, un semplice sbalzo di temperatura o un classico colpo d'aria all'orecchio possono provocare raffreddamento e dolore di questa parte del corpo, accompagnati, in alcuni casi, da prurito all'orecchio, ronzii, fischi, fino a inficiare la qualità dell'udito nei casi più gravi.

Ma cerchiamo di capire meglio quando l’orecchio è infiammato, le cause che possono portare a tale condizione e le possibili cure.

Come capire se ho l'orecchio infiammato?

Generalmente, in caso di colpo di vento all'orecchio e di orecchio infiammato nelle stagioni fredde, pariamo di uno dei tanti casi di otite in inverno.

L’otite può essere esterna, media o interna: quest’ultima è spesso dovuta a infezioni batteriche o virali, ma anche a violente reazioni allergiche, raramente ai colpi di freddo.

Nel caso dell’otite esterna, l’infiammazione interessa il canale auricolare esterno, ed è conseguente all’azione di patogeni, spesso agevolati da un eccesso di umidità nell’area delle orecchie, dagli accumuli di cerume, da eventuale secchezza del canale auricolare e dai colpi di freddo. Può presentare anche eczemi e pustole e affligge spesso i più piccoli, portando spesso anche a prurito e fastidio alle orecchie, che si trasforma in dolore in assenza di cure.

L’otite interna è nota anche come labirintite, dato che interessa il labirinto dell’orecchio e riduce il senso dell’equilibrio e dell’ascolto. Potrebbe palesarsi in seguito all’azione di virus o batteri o in seguito a colpi di freddo, reazioni allergiche e stress.

Nei più piccoli, che non possono comunicare la sensazione di dolore all'orecchio, è possibile carpire i sintomi dell'otite media, specialmente se hanno la tendenza a toccarsi ripetutamente perché l'orecchio fa male o perché avvertono prurito alle orecchie, se presentano tosse, raffreddore, maggiore irritabilità, una scarsa risposta ai suoni e la perdita dell'equilibrio. In più, potrebbero presentare un accumulo di liquido (effusione).

Come far passare il mal d'orecchio da freddo?

Così come chi, per prevenire disturbi alle orecchie, va sott’acqua con i tappi di protezione, chi è portato a esporsi continuamente alle basse temperature dovrebbe proteggersi dal colpo di freddo all'orecchio, magari con un berretto o con un paraorecchie. Sarebbe meglio prevenire, utilizzando da subito tali accessori, e tenere alla larga eventuali disturbi come il male all'orecchio.

Sempre in questi casi, sarebbe bene asciugare sempre a modo le orecchie prima di uscire. Per quel che riguarda i più piccoli, è bene proteggerli sempre dai colpi di freddo e si può far passare il loro dolore alle orecchie grazie alle gocce auricolari medicate. Raccomandiamo di controllarne la temperatura ed evitare che siano troppo fredde per non causare spiacevoli conseguenze: basta portarle prima e applicarle in un ambiente caldo.

Rimedi per il mal d’orecchio

Il mal d’orecchio può essere trattato con farmaci di automedicazione, come i preparati analgesici o anestetici locali (gocce) oppure attraverso l’utilizzo di antinfiammatori per via orale. Ricordiamo che si tratta spesso di un disturbo leggero che, però, in assenza di una cura adeguata, può avere diverse complicazioni.

Per l'otite media è spesso necessaria la terapia antibiotica, seguendo le prescrizioni del proprio medico. Per lenire il dolore, sono spesso indicati i medicinali in gocce a base di anestetici: solitamente il medico prescrive antalgici contro il dolore e antibiotici contro l'infezione.

Quando il disturbo si presenta portando ad avere le orecchie tappate insieme ad altri sintomi tipici del raffreddore, come congestione nasale e mal di gola, possono tornare utili delle gocce a base di vasocostrittori che decongestionano l'imbocco del canale auricolare, alleviando il dolore.

In ultimo, i prodotti antinfiammatori e antidolorifici da assumere per via orale, sono utili quando si presenta una secrezione abbondante di muco (catarro nelle orecchie) e pus dal canale uditivo, sintomo di possibile perforazione del timpano. In questi casi si parla di labirintite che va trattata, in base alla gravità, con rimedi medici o chirurgici.

Prodotti utili

Cemon Phosphoricum Acidum 6ch

Prodotto omeopatico per il trattamento di emicrania, dolori allo stomaco, gonfiore del testicolo, perdita del desiderio sessuale, stati depressivi, ansia, astenia, difficoltà e incontinenza urinaria, tosse secca, mal di gola, raffreddore, mal d'orecchio.

Cerulisina Dolore Gocce Auricolari Ibsa

Soluzione otologica che lenisce il mal d'orecchio e riduce l'infiammazione grazie ai suoi due principi attivi: la procaina, un anestetico locale, e il fenazone, dai benefici analgesici e antinfiammatori. Il contagocce consente di applicare facilmente il prodotto nell'orecchio.

Igeakos SIN 40

Medicinale omeopatico in gocce dai benefici antinfiammatori, antisettici e analgesici. Utile in caso di otiti ed otalgie

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.