Spedizione gratuita da 19,90€ e reso gratuito sempre

Customer care
Come eliminare il catarro nelle orecchie: sintomi, cause e rimedi
Pubblicato il: 17 dicembre

Come eliminare il catarro nelle orecchie: sintomi, cause e rimedi

Il catarro nelle orecchie, noto anche come catarro tubarico, è un sintomo di una condizione che ha portato a un'aumentata secrezione di muco a livello auricolare.

È molto comune nei più piccoli, in particolare nei neonati a causa della conformazione anatomica del loro apparato uditivo.

Cosa provoca il catarro nelle orecchie?

La presenza di questo muco all'altezza del timpano può essere legata a diversi disturbi, anche se, in gran parte dei casi, l'accumulo è spesso dovuto a un'infiammazione, infatti, il catarro nelle orecchie può afferire anche a disturbi comuni come il raffreddore e la sinusite.

In altri casi, potrebbero esserci delle malformazioni congenite che predispongono alla formazione di catarro: in alcuni casi si è notata l'inclinazione poco accentuata della tromba di Eustachio o una sua grandezza inferiore alla norma. Subito dopo vengono le anomalie del palato e la disfunzione dei muscoli tensori del velo pendulo.

Può capitare che si tratti di otite media effusiva o otite catarrale: le secrezioni liquide che si accumulano nell'orecchio medio possono essere dovute all'azione di virus, batteri o altri patogeni, che hanno proliferato in aree vicine come la gola e le alte vie respiratorie.

I sintomi principali dell'otite catarrale

Generalmente, il catarro nelle orecchie si presenta con:

  • Presenza nel condotto uditivo esterno di muco denso (a volte catarro bianco)
  • Arrossamento dell'orecchio interessato
  • Aumento della temperatura dell’orecchio interessato
  • Sentire i rumori ovattati
  • Autofonia: il senso di rimbombo avvertito quando si parla
  • Orecchie tappate o intasate

Quanto può durare il catarro nelle orecchie?

In gran parte dei casi, il catarro nelle orecchie non è di grave entità e può risolversi in toto. Quando il disturbo si presenta in maniera grave o quando non viene curato, è possibile arrivare a una riduzione della capacità uditiva permanente.

La durata dell'otite media, quella generata dall'azione di batteri e virus, arriva fino ai 10 giorni o andare da 10 a 30 giorni, se acuta. Nel caso in cui si cronicizzasse, si potrebbe andare oltre il mese di terapia.

Come eliminare il catarro nelle orecchie

Per ciò che concerne la cura, i trattamenti cambiano a seconda del tipo di disturbo che è alla base della formazione del catarro nelle orecchie.

Se si parla di un'infezione batterica, il medico potrebbe consigliare l'assunzione di antibiotici specifici, mentre se si tratta di un disturbo di matrice virale, si dovrà probabilmente intraprendere un trattamento farmacologico più incentrato sui sintomi.

Una volta compresa la matrice del disturbo e l'eventuale terapia, si può procedere anche alla rimozione fisica del catarro, partendo dall'assumere molta acqua e/o tisane, brodi e zuppe, per garantir l'idratazione e sciogliere il catarro.

Può essere molto efficace, sempre a tal fine, inalare vapore e renderne più facile l'espulsione, oltre che effettuare dei cicli termali di aereosol a base di acque sulfuree per sostenere la respirazione nasale.

Prodotti utili

Otofrei Candela Per Orecchi

Esplica un'azione calorica che favorisce l’intenerimento del tappo di cerume e ne corrobora l'espulsione fisiologica. Stimola la circolazione sanguinea e la respirazione cutanea.

Naso Clean Spray

Spray efficace per l'igiene nasale quotidiana, che rispetta la fisiologica pulizia mucociliare nasale, favorendone la detersione. È privo di disinfettanti e propellenti gassosi ad azione irritante e il suo utilizzo costante, aiuta a prevenire le recidive.

É molto efficace anche quando si devono rimuovere abbondanti secrezioni catarrali e muco verde che possono presentarsi nelle infezioni respiratorie.

Dr. Reckeweg R1Gocce

Medicinale omeopatico utile contro le forme di angina tonsillare e in caso di ipertrofia tonsillare cronica oltre che nei processi flogistici catarrali.

Nutrileya Nutridef Spray

Nutridef naso spray, grazie alla sua formulazione completa, può essere consigliato nel trattamento dei sintomi da raffreddamento, come la tosse grassa, rinite e sinusite.

La sua soluzione ipertonica opera da decongestionante e gli estratti vegetali (Perilla, Echinacea e Polygonum cuspidatum) esplicano un'azione antinfiammatoria, antibatterica, antiallergica e lenitiva della mucosa. Non meno importante, l'acido ialuronico aiuta a fluidificare il muco e a combattere la secchezza nasale.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.